Abbiamo già parlato di una futura fusione tra Wind e 3 quando, nell’Agosto 2015 Maximo Ibarra, Amministratore Delegato di Wind, annunciò la fusione che avrebbe portato alla creazione di un unico operatore.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Il Governo Italiano ha dato piena fiducia al “progetto” ed ha autorizzato la fusione ma l’Unione Europea sembra che ancora debba prendere una decisione, infatti, la Commissione Europea vuole verificare che non ci siano aumenti dei prezzi dopo la fusione, ma nonostante le parole di Ibarra che rassicurano la Commissaria per la Concorrenza Margrethe Vestager si pronuncia in tale modo:

“I servizi di telefonia mobile hanno sempre più peso nella nostra vita quotidiana. Non usiamo i telefonini solo per comunicare con amici e familiari, ma anche per leggere le notizie, fare acquisti online o controllare gli orari del treno. Dobbiamo accertarci che l’operazione proposta non comporti un aumento dei prezzi o un restringimento dell’offerta dei servizi mobili per i consumatori italiani”


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 Insomma, sembra che per questa unione ci voglia ancora molto tempo e la Commissione ha tempo entro il 10 Agosto per dare un esito.

Siete ottimisti o credete che l’Unione Europea bocci questa fusione?

I servizi di telefonia
mobile hanno sempre più peso nella nostra vita quotidiana. Non usiamo i
telefonini solo per comunicare con amici e familiari, ma anche per
leggere le notizie, fare acquisti online o controllare gli orari del
treno. Dobbiamo accertarci che l’operazione proposta non comporti un
aumento dei prezzi o un restringimento dell’offerta dei servizi mobili
per i consumatori italiani.