Xiaomi è ormai uno dei più grandi produttori asiatici di smartphone, per la precisione con i suoi 70 milioni di dispositivi venduti l’anno scorso, si è piazzata dietro a Huawei nella classifica dei produttori asiatici.

In questo periodo dell’anno, come ogni anno, iniziano ad arrivare le prime stime riguardo le vendite dei produttori mondiali, e anche quest’anno Xiaomi è arrivata ai 14,8 milioni di smartphone venduti nei primi tre mesi. Questi dati sono stati rivelati dal noto analista cinese Kevin Wang di IHS Technology e si discostano di poco dal volume di vendite che la stessa azienda cinese ha avuto nel trimestre dello scorso anno, quando aveva venduto 14,98 milioni di device.

La cifra è inferiore, ma tenendo conto che il flagship di Xiaomi, il Mi 5, non è ancora in vendita su larga scala e che il ReadMi 3 Pro ha fatto il suo debutto solo da poco tempo, è un ottima mole di vendite. La cifra degli smartphone venduti da Xiaomi andrà sicuramente a salire quando il Mi 5 verrà venduto su larga scala, senza scordarsi che la casa cinese sta per presentare anche lo Xiaomi Max e il Mi Note 2, che potrebbero portare il produttore cinese al superamento dei 70 milioni di smartphone del 2015.