Aukey-EP-T21

Con l’ingresso in scena delle famosissime air pods, il modo in cui ascoltiamo musica o interagiamo con le periferiche audio dei nostri smartphone, mentre andiamo a correre o sull’autobus o durante passeggiata, è cambiato radicalmente.

Dite addio ai cavetti che si attorcigliano nelle tasche senza apparente ragione fisico-chimica e agli adattatori/ingressi scomodi, oggi il mondo è in Bluetooth.

Sulla scia del successo che ha lasciato apple, anche Aukey ha deciso di mettersi in gioco con i suoi auricolari Aukey EP-T21, promettendo qualità, efficacia e facilità d’uso. Ci sarà riuscita? Scopriamolo.

Design

Il design degli auricolari Aukey EP-T21 è tutto quello che ci si aspetta da un paio di auricolari bluetooth che intendono farsi rispettare nel mercato. Sono sobri, eleganti ed essenziali. Anche per quanto riguarda la custodia che li contiene, di dimensione rettangolare con angoli smussati, molto compatta e ridotta.

Gli auricolari Aukey EP-T21 si presentano in una colorazione nera opaca di tutto rispetto, così come la loro custodia. Il peso irrisorio dei dispositivi e le dimensioni ridotte consentono un facile trasporto e una facile “maneggevolezza” per quanto riguarda l’estrazione degli stessi.

Inoltre il coperchio della custodia è magnetizzato, per mantenere il tutto chiuso ma conferendo anche facilità nell’apertura.

L’unica pecca da sottolineare è la scelta di Aukey di adottare il tipo di inserimento in-ear, benché sia il migliore dal punto di vista dell’isolamento acustico, per alcuni di noi si potrebbe tradurre in scomodità.

Collegamento e Batteria

Per quanto riguarda il collegamento col proprio smartphone, Aukey EP-T21 non poteva rendere tutto più facile, basterà infatti estrarre gli auricolari dalla custodia, che si metteranno automaticamente in ricerca e selezionare il dispositivo tramite il nostro smartphone, una volta avviato l’accoppiamento, voilà, le nostre cuffie sono pronte per funzionare.

Parlando invece di batteria, mentre le cuffie riescono ad arrivare tranquillamente alle 5 ore di utilizzo, anche nel caso in cui avessimo un viaggio lungo senza prese a disposizione, la custodia di Aukey EP-T21 ci corre in aiuto, poiché essa è dotata di una batteria ausiliaria che entra in funzione quando vengono inseriti gli auricolari, dalla capacità di 380mAh che ci consente di prolungare la durata dei nostri auricolari fino a 3 volte la carica massima.

Audio e funzionalità

Molti di voi potrebbero essere scettici riguardo alla qualità di audio trasmessa da questi auricolari, ebbene, non temete, Aukey EP-T21 sono capaci di riprodurre i suoni in maniera molto fedele tenendo conto anche della profondità dei bassi in maniera eccellente.

L’audio è cristallino e senza interferenze. Certo, quella minima parte di clientela purista del suono troverà indubbiamente qualche difetto, ma per il prezzo a cui Aukey EP-T21 viene venduto, direi che la qualità non manca, anzi. Inoltre, Aukey ha ben pensato di introdurre la possibilità di comandare l’esecuzione di brani o chiamate direttamente dagli auricolari.

Ad esempio infatti, se volessimo mettere in pausa una canzone che stiamo ascoltando basterà effettuare un doppio tap deciso in una delle due cuffie, e anche se con un minimo di ritardo, avremo il risultato. Lo stesso se vogliamo rimettere in play. Con 3 tap infine avremo la possibilità di chiamare l’assistente vocale del nostro smartphone, molto comodo.

In conclusione

Aukey EP-T21 è un prodotto che riesce a convincere sotto tutti gli aspetti in cui si mostra.

Design elegante, stabilità di connessione, durata della batteria e suono pulito sono tutte carte che fanno parte del mazzo e, visto il prezzo di 30€ non possiamo che ritenerci soddisfatti. Consigliamo l’acquisto a chi di voi preferisce la modalità di inserimento “in-ear”.

RASSEGNA PANORAMICA
Design
8
Funzionalità
8.5
Batteria
9
Prezzo ed extra
8.5
Articolo precedenteRecensione AUKEY multiport USB-C HUB
Prossimo articoloRecensione Aukey EP-B56
Sono studente di informatica applicata all' Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo". Sono appassionato di tecnologia fin da piccolo e mi interesso di cinema, videogiochi e sport.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here