Anche oggi sotto i riflettori c’è la produttrice che in questo 2015 ha fatto un salto qualitativo enorme, stiamo parlando della casa cinese Huawei.


Sicuramente, anche se non siete fanatici tecnologici, non sarà la prima volta che la sentite e questo perchè nel 2015 Huawei si è fatta ben notare, più di quanto non l’avesse fatto gli anni scorsi.

Infatti nel precedente anno, Huawei ha sfornato device veramente ottimi, finalmente un top di gamma (P8 in particolare) degno di competere coi top di gamma di altre case ben più note (Samsung e Apple in primis).

La scalata verso il successo di Huawei non sembra fermarsi qua, in queste prime settimane del 2016 infatti sarà ufficialmente in vendita il nuovo phablet top di gamma, stò parlando di Huawei Mate 8, un device molto potente che sicuramente darà non poco filo da torcere a brand più famosi.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Questo Mate 8 è frutto di lavori e innovazioni della ditta cinese, la quale ha deciso di montare su questo device il suo ultimo processore sfornato, il Kirin 950, il quale ha un processo produttivo FinFET a 16 nanometri; questa CPU sembra davvero molto performante, e abbinata ad una GPU come la Mali T880 MP4 creano un’ottima accoppiata anche per il gamer più esigente.

Le novità che questo Mate 8 porta in casa Huawei non sono finite, andiamo quindi a scoprire cosa si cela all’interno del frame monoblocco in alluminio:

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

  • Display 6″ IPS Full HD (1920 x 1080) con una densità di 368 PPI, il tutto protetto da un Corning Gorilla Glass 4;
  • CPU Huawei HiSilicon Kirin 950 Octa-Core (4 core Cortex A72 da 2.3 GHz e 4 core Cortex A53 da 1.8 GHz);
  • GPU Mali T880 MP4;
  • 3 Gb di RAM;
  • 32 Gb di memoria interna, espandibili fino a 128 con Micro-SD;
  • Fotocamera posteriore da 16 Mp con OIS (stabilizzatore ottico) e doppio Flash-LED;
  • Fotocamera anteriore da 8 Mp;
  • Sensore di impronte digitali;
  • Batteria da 4000 mAh;
  • Sistema operativo Android 6.0 con interfaccia grafica EMUI 4.0.

Come potete vedere le caratteristiche sono da top di gamma puro. Questo device riesce a raggiungere punteggio come 95000 su Antutu, certo, voi ora direte: “ma i numeri di Antutu non significano niente” e io vi rispondo semplicemente dicendovi che: “è vero i numeri di Antutu non contano, ma un device che raggiunge 95000 punti vuol dire al 100% che è un device con un hardware fenomenale, poi la fenomenalità del device va in base a quanto Huawei ha curato il software di questo Mate 8”.

Tutto questo per dire che Mate 8 ha probabilmente il miglior Hardware presente sul mercato mobile fino ad ora, poi sta a Huawei curare bene il software per sfruttare appieno questo potente Hardware.
Ovviamente non mancano caratteristiche come Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac (Dual Band) e Bluetooth 4.2; Anche in campo connettività ovviamente non manca nulla in quanto questo Mate 8 ha la banda GSM 850/900/1800/1900 (2G), HSDPA 800/850/900/1700/1900/2100 (3G) e ovviamente la banda LTE Cat.6 quindi fino a 300Mbps in download e 50Mbps in upload.


Il frame è un monoblocco in alluminio con dimensione veramente ben ottimizzate, seppur questo Mate 8 sia un 6″ la scocca misura 157.1 x 80.6 x 7.9 mm, siamo sui livelli di iPhone 6S (e quest’ultimo ha un pannello da 5.5″), ciò sta a significare che Huawei ha veramente ottimizzato il frame di questo nuovo Mate 8, lo si capisce anche guardandolo frontalmente, come si vede le cornici laterali sono veramente ridotte all’osso…

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Io personalmente non sto più nella pelle di vedere, toccare e magari anche provare questo nuovo Mate 8 perchè secondo me è una mossa più azzeccata da parte di Huawei e farà sicuramente scalpore, tanto da aver già venduto oltre un milione di unità, quindi suppongo di non essere l’unico a pensarla così.
Il device è già acquistabile in qualche store online, ad esempio Value Basket.

E voi che ne pensate di questo Mate 8? secondo voi darà filo da torcere ai device più blasonati?

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});