Ormai i progetti più interessanti per rinnovare un po’ il mondo della tecnologia sono sui siti di crowdfounding, dove chiunque abbia una buona idea può richiedere supporto monetario alla community per realizzarla. Questo è il caso anche di LunaR, lo smartwatch che dovrebbe risolvere i problemi di autonomia che di solito affliggono questo tipo di dispositivi, infatti lui si ricarica con l’energia solare.

L’energia solare non è certo una novità, qualche anno fa c’erano anche delle powerbank ad energia solare, ma pannelli piccoli non bastano per ricaricare gli smartphone attuali, ma per le piccole batterie degli werable potrebbero essere sufficienti.

Ovviamente lo smartwatch non ha uno schermo, in quanto in quel caso probabilmente non poteva essere autosufficiente per quanto riguarda l’alimentazione. Infatti questo LunaR appare come un normale orologio, di “smart” ha solo un cerchio di LED che danno varie informazioni come il fuso orario, le fasi solari e ovviamente i passi.

Ovviamente sono presenti tutte le funzioni smart che anno questo tipo di dispositivi, come il monitoraggio del sonno. Tutto è visibile dall’applicazione dedicata, ovviamente l’orologio è Bluetooth, da cui si possono vedere tutte le informazioni che il nostro LunaR riesce ad immagazzinare.  L’orologio è anche impermeabile fino a 50 metri di profondità, features ormai irrinunciabile per questi prodotti.

Il progetto ha raggiunto il suo obbiettivo di fondi, quindi si farà. Se volete contribuire su Kickstarter potete andare sulla pagina di LunaR, con una spesa di 99$ vi porterete a casa anche un LunaR, almeno il modello base, in quanto ci sono vari modelli. Sicuramente qualcosa di “nuovo” nel mondo degli werable e della tecnologia, dove sta diventando tutto troppo uguale.