Il mondo dei tablet è ormai praticamente identico a quello degli smartphone. In che senso vi chiederete? Intendo la distinzione bassa/medio/top di gamma. Infatti ogni produttore che si rispetti, sta cercando di riempire nel miglior modo possibile ogni categoria, con un tablet di bassa media e top di gamma. Questa volta noi, abbiamo provato un medio-top di gamma di Asus. Precisamente è l’Asus ZenPad 3S 10 LTE. Un tablet con tanto potenziale, almeno sulla carta, ma che riesce a dare e fare il minimo.

CONFEZIONE

La confezione, molto semplice, è realizzata davvero bene. Asus l’ha realizzata ovviamente in cartone, con al di sopra il nome del tablet in questione. Al di sotto invece ci sono i relativi marchi e le specifiche del tablet ( di cui noi parleremo più sotto nell’articolo). L’apertura avviene frontalmente tramite una piccola calamita (difficile da spiegare a parole, ma vedendo il video capirete) e troviamo a primissimo impatto l’iPad, scusate, volevo dire l’Asus ZenPad 3S 10 LTE. Mettendolo da parte per il momento, troviamo un cartoncino che si trasforma in un supporto per il tablet, idea molto carina ed utile direi. Troviamo la manualistica delle istruzioni all’interno di un piccolo cartoncino, con una graffetta che servirà per aprire il carrello della SIM. Nella confezione c’è anche l’alimentatore da 0,5A 5V, per la fast charge ed abbiamo anche un cavo USB/Type-C. Tutto questo è il contenuto della confezione. Passiamo a parlare di tutto quello che asus ha creato, oltre alla confezione ovviamente.

Recensione ASUS ZENPAD 3S 10 LTE

La versione del 2017 che propone Asus, è praticamente la medesima dell’anno precedente, ma con qualche novità in più, come il display, il supporto alle reti 4G LTE e qualche altro piccolo cambiamento non rilevante.

Il tablet si presenta molto compatto, realizzato con un design bellissimo, con taglio con punta di diamante, denominato da Asus Metallic Design. Le dimensioni del tablet sono di 164,2 x 242,3 x 5,8 mm (rispettivamente larghezza, lunghezza e spessore), per un peso di 490 grammi. Peso e spessore, considerando il tablet, son davvero ottimi, infatti lo stesso è molto maneggevole ed il trasporto risulta comodissimo.

DISPLAY 8.5

Tanti Pro e tanti Contro abbiamo in questo tablet, ma sicuramente il Display è a suo favore. E’ un IPS LCD  da 9,7”, con una risoluzione di 2048×1536, cioè un display con risoluzione 2K, con tecnologia Visual Master. Questa tecnologia permette una visione realistica delle immagini. Asus Visual Master è una suite di tecnologie esclusive per migliorare l’esperienza visiva dell’utente, che combinano hardware e software per ottimizzare tutti gli aspetti del display. Anche con la tecnologia True2Life+, che migliore ogni pixel per fornire contrasto e nitidezza alle immagini.

HARDWARE 8

La visione infatti risulta ottima e grazie ad un’applicazione implementata da Asus, Splendid, riusciremo a settare tutti i parametri del display, in tal modo, da avere il display con i colori che piacciono a noi. Asus ZenPad 3S 10 LTE è davvero velocissimo e quasi del tutto privo di lag, davvero piccolissimi e ciò è reso possibile dalla CPU presente. E’ una Qualcomm Snapdragon S650 da 1,8 GHz, hexa-core a 64 Bit con memoria RAM di 4GB e GPU Andreno 510, il tutto accompagnato da 64GB di memoria interna. Ed anche grazie alla GPU, giocare a giochi più pesanti sarà un vero spasso e saranno anche loro giocabili al massimo e privi di lag.

FOTOCAMERA 7

Un lato un po’ discusso, invece è sicuramente il reparto fotografico, sul quale Asus poteva fare molto di più. Presenta due fotocamere, la posteriore è di 8 MPX e l’anteriore è di 5 MPX. Registra video in FullHD a 30 fps.

Le foto ed i video in condizioni di tanta luminosità risultano non troppo rumorose, ma purtroppo hanno qualcosa che non va. I video, tutto sommato vengono comunque bene. In condizioni di scarsa luminosità le foto ed i video non trovano il giusto equilibrio ed ovviamente sono eccessivamente rumorose.

AUTONOMIA 8.5

Un punto che riesce a conquistare gli utenti, oltre alle prestazioni eccezionali che ha, è la batteria. Una batteria da 7800 mAh che riesce a garantire, se utilizzato eccessivamente, un giorno e mezzo di autonomia. Mentre se lo si utilizza in maniera equa, riesce a superare i due giorni. Le ore dichiarate dal venditore sono 16, ma direi che riesce a garantire anche qualcosa in più e quindi lungamente confermate. E per ricaricarsi impiega circa 2,5 ore, grazie alla ricarica Quick Charge 3.0, implementata da Asus.

A rendere del tutto completo il tablet sono i vari sensori presenti quali accelerometro, giroscopio, bussola, GPS e GLONASS. Purtroppo non è presente il sensore di impronte ditigali, che avrebbe reso il tablet completo al 100%. La non presenza della retroilluminazione dei tasti touch , completa il quadro di imperfezioni del tablet.  Anche l’audio gioca un ruolo fondamentale, con il Sonic Master 3.0, che garantisce un suono davvero gradevole ed eccezionale, oltre che forte e preciso.

Per quanto riguarda la connettività abbiamo il Wi-Fi a/ac/b/g/n, il bluetooth 4,2 ed infine, dato anche il nome, troviamo la connessione alle reti 4G LTE, in tal modo sarà possibile usufruire della navigazione internet anche quando si è fuori, ovviamente se dotati di una sim. Non sarà possibile utilizzare il tablet da telefono, se pur ha la sim, serve solo per la navigazione in mobilità.

CONCLUSIONI

Tirando le conclusioni l‘Asus ZenPad 3S 10 LTE è un tablet che fa quello che deve fare in maniera del tutto ottimale. Riesce a garantire un grande utilizzo e grazie anche alle numerosi applicazioni presenti sul Google Play Store, formano un quadro di tutto rispetto per un tablet. Per utenti meno esperti, consiglio questo tablet, soprattutto per approcciarsi al mondo dei “pollici“. Vi lascio sotto il link per acquistarlo, se foste interessati, al prezzo di 450€. 


var CONSTANTS = { productMinWidth : 185, productMargin : 20 };

var $adUnits = jQuery('.aalb-product-carousel-unit'); $adUnits.each(function() { var $adUnit = jQuery(this), $wrapper = $adUnit.find('.aalb-pc-wrapper'), $productContainer = $adUnit.find('.aalb-pc-product-container'), $btnNext = $adUnit.find('.aalb-pc-btn-next'), $btnPrev = $adUnit.find('.aalb-pc-btn-prev'), $productList = $productContainer.find('.aalb-pc-product-list'), $products = $productList.find('.aalb-pc-product'), productCount = $products.length;

if (!productCount) { return true; }

var rows = $adUnit.find('input[name=rows]').length && parseInt($adUnit.find('input[name=rows]').val(), 10); var columns = $adUnit.find('input[name=columns]').length && parseInt($adUnit.find('input[name=columns]').val(), 10);

if( columns ) { var productContainerMinWidth = columns * (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin) + 'px'; $adUnit.css( 'min-width', productContainerMinWidth ); $productContainer.css( 'min-width', productContainerMinWidth ); $products.filter( ':nth-child(' + columns + 'n + 1)' ).css( 'clear', 'both' ); }

if (rows && columns) { var cutOffIndex = (rows * columns) - 1; $products.filter(':gt(' + cutOffIndex + ')').remove(); }

function updateLayout() { var wrapperWidth = $wrapper.width(); var possibleColumns = columns || parseInt( wrapperWidth / (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin), 10 ); var actualColumns = columns || possibleColumns actualColumns ) { $btnNext.css( 'visibility', 'visible' ).removeClass( 'disabled' ).unbind( 'click' ); $btnPrev.css( 'visibility', 'visible' ).removeClass( 'disabled' ).unbind( 'click' ); } $productContainer.jCarouselLite( { btnNext : '#' + $adUnit.attr( 'id' ) + ' .aalb-pc-btn-next', btnPrev : '#' + $adUnit.attr( 'id' ) + ' .aalb-pc-btn-prev', visible : actualColumns, circular: false } );

}

updateLayout(); jQuery(window).resize(updateLayout); }); });

/*! * jCarouselLite - v1.1 - 2014-09-28 * http://www.gmarwaha.com/jquery/jcarousellite/ * Copyright (c) 2014 Ganeshji Marwaha * Licensed MIT (https://github.com/ganeshmax/jcarousellite/blob/master/LICENSE) */

!function(a){a.jCarouselLite={version:"1.1"},a.fn.jCarouselLite=function(b){return b=a.extend({},a.fn.jCarouselLite.options,b||{}),this.each(function(){function c(a){return n||(clearTimeout(A),z=a,b.beforeStart&&b.beforeStart.call(this,i()),b.circular?j(a):k(a),m({start:function(){n=!0},done:function(){b.afterEnd&&b.afterEnd.call(this,i()),b.auto&&h(),n=!1}}),b.circular||l()),!1}function d(){if(n=!1,o=b.vertical?"top":"left",p=b.vertical?"height":"width",q=B.find(">ul"),r=q.find(">li"),x=r.size(),w=x0?z-b.scroll:z+b.scroll)}),b.auto&&h()}function h(){A=setTimeout(function(){c(z+b.scroll)},b.auto)}function i(){return s.slice(z).slice(0,w)}function j(a){var c;a=y-w+1&&(c=a-x-b.scroll,q.css(o,-(c*t)+"px"),z=c+b.scroll)}function k(a){0>a?z=0:a>y-w&&(z=y-w)}function l(){a(b.btnPrev+","+b.btnNext).removeClass("disabled"),a(z-b.scrolly-w&&b.btnNext||[]).addClass("disabled")}function m(c){n=!0,q.animate("left"==o?{left:-(z*t)}:{top:-(z*t)},a.extend({duration:b.speed,easing:b.easing},c))}var n,o,p,q,r,s,t,u,v,w,x,y,z,A,B=a(this);d(),e(),f(),g()})},a.fn.jCarouselLite.options={btnPrev:null,btnNext:null,btnGo:null,mouseWheel:!1,auto:null,speed:200,easing:null,vertical:!1,circular:!0,visible:3,start:0,scroll:1,beforeStart:null,afterEnd:null}}(jQuery);