Come detto da titolo, la vicenda Battery Gate di Samsung che ha colpito Note 7 sta per concludersi con l’imminente ripartenza della produzione dello stesso. Questa notizia non è stata diramata per vie ufficiali, bensì da alcuni giornalisti che chiedendo a Samsung hanno ricevuto la risposta che tutti aspettavano, o meglio, quelli che ancora vogliono comprare il Note 7.

Galaxy Note 7

Eh si, perchè le ripercussioni ci saranno e secondo alcuni analisti non saranno leggere, anzi, mentre Samsung bloccava le vendite, ritirava la maggior parte dei device e risolveva il problema. Probabilmente anche quelli che si ritroveranno ad acquistare un telefono nuovo dopo la riapertura della produzione vireranno su altro, perchè ormai non convinti dal terminale dopo i numerosi problemi riscontrati, che hanno anche causato danni fisici e materiali, anche se (ovviamente) il marchio Samsung non è stato danneggiato significativamentele vendite di Note 7 non andranno di certo a gonfie vele, salvo colpi di scena.

C’è da fare un piccolo appunto sulla vicenda della riapertura della produzione di Note 7, Samsung ha anche comunicato ai giornalisti che la produzione stessa andrà inizialmente a rilento per dare tempo agli ingegneri di fare un accurato controllo qualità su ogni singolo lotto di produzione, per non fare due volte lo stesso errore.

E’ notevole il fatto che Samsung voglia fare migliori controlli, anche a costo di rallentare la produzione, anche se ciò è avvenuto dopo un disagio che è costato caro ad una società che attualmente conta un enorme fatturato. Sono comunque notizie che fanno ben sperare e speriamo che Samsung abbia “imparato” la lezione per questa volta.

Potrà mai secondo voi questo fatto far ricredere in Samsung? Date ancora fiducia all’azienda coreana?

Fatecelo sapere in un commento.