La staticità del mondo degli smartphone, è ormai diventata una noia per tutti gli utenti che decidono di cambiare smartphone ogni anno. Ovviamente esistono varie tipologia di utenza, ma una tipologia in particolare, potrebbe apprezzare uno smartphone presentato due giorni fa. Lo smartphone di cui parlo è il Razer Phone, smartphone dell’omonima compagnia, con sede a San Francisco. Ma scopriamo insieme cos’ha presentato questa compagnia.

Razer, ha deciso di puntare tutto su una nuova tipologia di smartphone. Uno smartphone da gaming con caratteristiche che mai viste. Razer Phone ha una SoC Qualcomm SnapDragon 835 accoppiata a 8 GB di RAM ed una GPU ADRENO 540. Il display è un QHD (2K), cioè un risoluzione di 2560×1440 con 515 PPI, con tecnologia IGZO IPS. Questa tecnologia IGZO IPS, permette di utilizzare al posto del classico silicio, l’Ossido di Indio-Zinco-Gallio per offrire vantaggi in termini  di risparmio energetico. Oltre a questo, Razer ha implementato una tecnologia (proprietaria) chiamata Ultramotion, realizzata in collaborazione con Qualcomm, che sincronizza il modo dinamico il refresh della GPU con quello del display. Ed è il primo display al mondo ad avere un refresh rate pari a 120 HZ, il che vuol dire non avere più lag. Tutte le caratteristiche sono quelle di un top di Gamma Android, infatti possiede due fotocamere, posteriore ed anteriore.
Affinché ovviamente che l’esperienza di gioco sia totalmente realistica ed immersa, Razer non ha tralasciato il reparto audio. Questo comprende due speaker con amplificatore e con certificazione Dolby Atmos e THX. Il reparto batteria, lo ha curato con tanta attenzione, implementando una batteria da 4000 mAh con una nuovissima tecnologia, sempre realizzata da Qualcomm, la Quick Charge 4+, con la quale si potrà ottenere l’85% di batteria in un’ora. 
Il prezzo sarà di 769€ e sarà disponibile dal 17 novembre.

Utilizziamo queste specifiche per far capire le intenzioni di Razer, che sarebbero quelle di rivalutare l’uso degli smartphone. Ovviamente coinvolgendo una determinata categoria d’utenza. Portare il gioco in mobilità è una sfida davvero ardua, soprattutto perché la categoria coinvolta è molto esigente. Sembra però che questo smartphone rispetti le esigenze, anzi porti ad un livello superiore il gaming in mobilità. Sicuramente questo non sarà come giocare ad un super pc, ma lo schermo ad alta risoluzione e la CPU, GPU e RAM ad alta prestazioni ed il loro lavoro in simbiosi rendono l’esperienza nuova e divertente. Se siete intenzionati a provare una nuova esperienza di gioco, non potrete non acquistare questo Razer Phone.