Recensione Xiaomi Redmi Note 5A

 

Ormai è qualche tempo che la forbice prestazionale tra smartphone top di gamma e base di gamma sta diminuendo e provando questo Xiaomi Redmi Note 5A (in versione Prime con 3 GB di RAM e 32 GB di memoria) ho avuto la conferma che in certi reparti anche i telefoni economici possono dare parecchie soddisfazioni. Andiamo a scoprire dove va bene questo Xiaomi, e dove invece si devono accettare dei compromessi relativi al prezzo.

Vorrei ringraziare HonorBuy per averci fornito questo sample da provare. Inoltre potrete usufruire, sempre su HonorBuy ovviamente, del nostro sconto di 5 euro su una spesa di 100 con il codice sconto: VIKTEC.

(Questo smartphone è stato provato con la ROM CINESE, ovviamente in lingua inglese, perché la procedura di sblocco del bootloader, almeno per ora, è stata bloccata da Xiaomi per problemi ad alcuni device. Inoltre con la MIUI 8, con cui arriva il device, non sono riuscito a far funzionare i servizi Google, cosa risolta quando ho installato l’aggiornamento alla MIUI 9 developer. Quindi questo Redmi Note 5A è stato provato con i servizi Google installati sulla MIUI 9 developer).

UNBOXING

La scatola di questo Xiaomi Redmi Note 5A non è la solita del brand cinese, infatti stavolta è rossa accesa. All’interno troviamo, oltre allo smartphone ovviamente, il caricabatterie che esce a 5V 2A e ricarica la batteria del terminale in circa 3 ore da zero; e infine il cavo dati (che è MicroUSB), non ci sono quindi le cuffie. HonorBuy però inserisce un comodissimo adattatore per la presa cinese, senza il quale non potremmo ricaricare il terminale. Vi lascio il video dell’unboxing.

PRIME IMPRESSIONI E DESIGN: 6.5

Prendendo in mano il device si nota subito la leggerezza, infatti i 153 grammi di questo Redmi Note 5A sono pochi e questo è sicuramente un pregio. Di contro si nota subito la fattura economica del terminale, con una plastica al posteriore abbastanza cheap al tatto. La situazione migliora con il frame in metallo e il vetro curvato 2.5D davanti, che danno un look un po’ più “moderno” al terminale. Anche il design non è di certo dei più ricercati, ma siamo davanti ad un terminale molto economico e non si può pretendere troppo.

USO QUOTIDIANO: 8.5

Come detto in apertura, le prestazioni nell’uso quotidiano di questo terminale mi hanno stupito, veramente non ho trovato tante differenze da un terminale top di gamma. Questo Xiaomi è sempre reattivo, anche nel passaggio da un’applicazione ad un’altra, non ha mai impuntamenti o ricaricamenti strani. Io l’ho usato intensamente qualche giorno e non ho mai rimpianto il mio terminale top.

D’altronde dallo Snapdragon 435 che fa girare questo Redmi Note 5A, accompagnato da 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, mi aspettavo proprio questo, un consumo basso e prestazioni ottime senza mai scaldare. Ovviamente se si inizia a usare intensamente il dispositivo con dei giochi si notano i limiti, ma non è sicuramente questo il device per giocare.

DISPLAY: 8

Quando ho iniziato a usare questo terminale non ho letto la scheda tecnica, e quando ho scoperto che il display era solo HD sono rimasto colpito. Infatti il 5.5 pollici HD (1280 x 720 pixel, 267 ppi) non sembra per niente un display di bassa risoluzione. Non ha difetti evidenti, i neri tendono un po’ al grigio ad angolazioni estreme, ma i bianchi sono molto puliti. Solo le scritte piccole danno qualche problema nella lettura, ma niente di serio.

Per il resto ha ovviamente le caratteristiche di un IPS, cioè i colori sono un po’ smorti (almeno secondo me), ma vengono riprodotti bene ed è quello l’importante.

BATTERIA: 9

Sicuramente uno dei punti forti di questo smartphone, la batteria integrata da 3080 mAh, unita al processore poco energivoro e il display solo HD fa miracoli. Infatti ci porta a sera senza alcun problema, io sono arrivato a notte inoltrata con ancora il 15% di batteria dalla mattina presto, con uso normale, quindi non il mio, potrete sicuramente arrivare a fare 2 giorni di autonomia senza problemi.

FOTOCAMERA: 6

Il voto in questo comparto sta anche largo a questo Xiaomi, che non ha una fotocamera al top. Ovviamente per il prezzo che costa non ci si può aspettare di meglio, e forse l’ambito multimediale è quello in cui la fascia di prezzo del device conta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La fotocamera posteriore da 16 megapixel riesce a comportarsi bene solo quando c’è tanta luce, in quel caso le foto vengono abbastanza bene, con contorni definiti e buoni colori. Quando la luce inizia a scendere sorgono i primi problemi, la foto è sempre impastata e i contorni non sono mai ben definiti. La cosa si amplifica quando portiamo le foto sul PC, dove i limiti di qualità della fotocamera sono evidenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’HDR è presente, non è automatico, ma è in prima funzione nella schermata della fotocamera, il che è buono, e devo dire che funziona bene, illumina molto le scene buie, ma rimane sempre il problema che la qualità delle foto è mediocre.

La fotocamera anteriore è da 13 megapixel (nella versione Prime) e ha il plus di avere un flash anteriore molto buono che riesce a rendere buoni anche i selfie notturni. La qualità in generale è in linea con la camera posteriore, cioè qualità buona con molta luce che diminuisce con poca luce, non è sicuramente un selfie phone, ma avere il flash sicuramente aiuta.

CONNETTIVITA’ E MULTIMEDIA: 7.5

Parliamo ora di un’aspetto importante dei telefoni cinesi, cioè la ricezione. Questo Redmi Note 5A è ovviamente LTE, ma manca la banda 20, il che non crea particolari problemi in generale, ma in certi posti dove altri telefoni riescono a ricevere in 4G, questo terminale non ci riesce. Nell’uso quotidiano, soprattutto in città medio-grandi, non si hanno tanti problemi, ma è comunque da segnalare.

L’audio in chiamata, invece, è buono, la capsula auricolare manca di bassi, ma la voce si sente in maniera molto nitida, e anche dall’altra parte ci sentono bene. Il vivavoce è abbastanza alto, ma si può utilizzare al meglio solo in ambienti interni e poco rumorosi.

L’altoparlante di sistema è un altro ambito dove questo terminale non eccelle, mancano completamente i bassi e il volume non è molto alto, le cose migliorano parecchio con le cuffie che, se sono con il cavo, possono essere anche calibrate tramite una pagina all’interno delle impostazioni. Anche con le cuffie Bluetooth non si ha alcun problema di riproduzione.

QUALITA’-PREZZO: 8.5

Non si può negare che questo Xiaomi Redmi Note 5A è un ottimo terminale per il prezzo che ha, infatti lo troverete su HonorBuy a 167 euro, ovviamente con garanzia ufficiale 24 mesi data dalla stessa HonorBuy, che in generale non sono tanti, soprattutto per chi non pretende una grande qualità fotografica, perché tolto quel comparto, il resto non ha particolari criticità.

VI RICORDO DI UTILIZZARE IL NOSTRO COUPON DA 5 EURO : VIKTEC

CONCLUSIONI

Come detto all’inizio, questo Note 5A rimane un device per utenti consapevoli, non tanto per installare i servizi Google, ma per aggiornare il device alla MIUI 9 developer si. Se non avete di questi problemi e volete un telefono con un’ottima interfaccia come la MIUI e prestazioni ottime nell’uso quotidiano, questo Redmi Note 5A potrebbe sicuramente essere la scelta giusta.

Potete acquistarlo su HonorBuy a questo link ad un prezzo di 167 euro, potete anche usufruire del nostro sconto di 5 euro con il codice sconto: VIKTEC.

 

RASSEGNA PANORAMICA
Prime Impressioni e Design
6,5
Uso quotidiano
8,5
Display
8
Batteria
9
Fotocamera
6
Connettività e Multimedia
7,5
Qualità / Prezzo
8,5
Articolo precedenteSpace X, Tesla… Chi è Elon Musk?
Prossimo articoloHuawei presenta Mate 10 e Mate 10 Pro
Sono un ragazzo appassionato di ogni sfaccettatura della tecnologia, che grazie ad un gruppo di fantastici ragazzi č riuscito a realizzare il suo sogno di condividere la sua passione con tutto il mondo di internet, sperando di arrivare al pių grande pubblico possibile. Metto tutto me stesso in quello che faccio, e spero che tutti apprezzino il mio lavoro e quello di tutti i miei amici e collaboratori del sito,
CONDIVIDI