Il caso dei Galaxy Note 7 esplosivi ha portato Samsung al ritiro di tutti i lotti venduti di Note 7  con una perdita elevatissima, parliamo infatti di 5 miliardi di dollari. Samsung ha per molti mesi cercato il problema di questo device e del perchè esplodesse e sembra che finalmente ci sia un risposta concreta, che però Samsung non rivelerà presto.

Nonostante tutto Samsung si voglia astenere dal dare una risposta al problema entro fine anno, dei dettagli riferiscono che il problema del Samsung Galaxy Note 7 era la batteria, ma fino a che punto? A quanto pare, la batteria era troppo sottile per tutta quella capacità e questo comportava la sua esplosione che ha creato non pochi problemi a Samsung e non solo, ricordiamo infatti alcuni episodi di esplosione di Note 7 che avevano portato ad un incendio di una macchina o addirittura ad un atterraggio di emergenza di un aereo a causa della fuoriuscita di fumo dal device stesso nonostante tutto fosse spento. Samsung provò a risolvere il problema nei secondi lotti di produzione riducendo la capacità della batteria ma neanche quello scongiurò il problema, che costrinse Samsung al ritiro definitivo del device.

Non sappiamo il perchè Samsung non voglia ancora rilasciare una notizia ufficiale riguardo a questo problema, ma rimaniamo in attesa anche perchè potrebbero esserci altri interessanti dettagli riguardo al caso, che ha portato una perdita importante in termini monetari e di brand.