Nel sempre più grande mondo della tecnologia wearable, indossabile, i fitness tracker si stanno guadagnando una posizione di tutto rispetto. Si tratta di quello che potrebbe sembrare un semplice braccialetto in silicone, sottile e del tutto anonimo, che invece contiene al suo interno una lunga serie di sensori. Nati per monitorare l’attività fisica, la gran parte dei fitness tracker nascono come “contapassi”, anche se il termine è decisamente riduttivo. Oggi oltre a verificare quanti passi percorriamo ogni giorno anche la fitness band più semplice e minimale permette di tenere sotto controllo i programmi di allenamento, ma anche i parametri vitali. Le caratteristiche variano molto da modello a modello, quindi scegliere il fitness tracker giusto non è così banale quanto può sembrare.

Cosa fa un fitness tracker

Partiamo dall’inizio: cosa fa un fitness tracker. Considerando il genere di dispositivo in senso globale, oggi un fitness tracker ha un piccolo display touch, che permette di controllare periodicamente il battito cardiaco, i passi fatti, l’ora, il meteo, le ore di sonno, l’attività fisica che si sta svolgendo, calcolando anche le calorie bruciate. Connettendolo, tramite Bluetooth, alle applicazioni disponibili per lo smartphone il fitness tracker funziona anche da valido strumento per avere sempre sotto controllo le notifiche che riguardano messaggi o chiamate telefoniche, il tutto conservando lo smartphone in una tasca, o anche in uno zainetto. Come dicevamo nascono come strumenti adatti a monitorare la pratica sportiva. Le dimensioni ridotte, spesso si tratta di una semplice fascetta in gomma, e il peso minimo consentono di indossare questo speciale braccialetto per l’intera giornata e ce ne sono già vari modelli che possono anche restare sott’acqua a lungo, senza alcun problema. La tecnologia sta poi facendo passi da gigante in questo ambito, quindi non è infrequente che un buon fitness tracker sia in grado di funzionare senza bisogno di ricarica anche per un’intera settimana, o più a seconda del modello scelto.

Acquistare il fitness tracker migliore sul mercato

Come avviene per moltissimi altri dispositivi tecnologici, non esiste un fitness tracker migliore di tutti gli altri, molto dipende dalle proprie esigenze e possibilità. Ci sono infatti modelli belli come preziosi braccialetti che hanno prezzi vicini agli 80-100 euro, così come modelli minimali, con costi inferiori ai 30 euro. Nel mezzo si trovano molteplici tipologie, colori, materiali, dimensioni e sensori di vario genere, del tipo “chi più ne ha più ne metta”. Per altro non tutti sfruttano tutte queste opzioni, buona parte di coloro che possiedono un fitness tracker necessitano semplicemente di sapere quanti passi fanno al giorno e di verificare le ore di sonno notturno. Per altro i modelli più sofisticati di questo genere di dispositivo sono in grado anche di verificare il tipo di sonno: leggero, profondo, con veglia notturna o spostamenti nel corso della notte. Se a volte ci si sveglia assonnati dopo una lunga notte a letto l’uso di un fitness tracker ci consente di capire cosa sia effettivamente successo durante il sonno. La scelta del modello più adatto dovrebbe essere fatta considerando anche le app disponibili, che non sono tutte uguali.

Articolo precedenteBlack Friday Amazon: una valanga di sconti
Prossimo articoloCome creare un fotolibro di alta qualità
Salve a tutti, sono Vittorio Russo, il fondatore di Viktec.net Appassionato di tecnologia sin da piccolo. Sono un perito in elettronica e telecomunicazioni e iscritto al corso di Informatica Applicata di Urbino. Grandissima passione per smartphone e computer, sia nell'assemblare che nell'aggiustare qualsiasi dispositivo. Mi piace molto conoscere qualsiasi informazione sull'informatica, creando in questo modo il sito Viktec per condividere più informazioni possibili con i miei lettori e con persone che mi seguiranno. Per contatti info@viktec.net
CONDIVIDI