Quest’anno, come ormai fa da anni, Meizu ha presentato molti terminali, tutti che vanno sostanzialmente bene, grazie alla grande ottimizzazione della casa cinese. Le specifiche, però, soprattutto di Pro 6, hanno fatto storcere il naso ai possessori di Pro 5, che era anche più potente sulla carta. Adesso Meizu zittisce tutti con l’arrivo del Pro 6 Plus, finalmente con Exynos 8890.

meizu-pro-6-plus-1

Quindi Meizu si è affidata di nuovo a Samsung per il processore del suo ultimo top di gamma, e possiamo essere tutti d’accordo che ha fatto molto bene. Quindi sono smentite le voci di un Kirin 960 a bordo dei nuovi Meizu, o almeno per ora.

Andando al sodo, questo Meizu Pro 6 Plus è il vero top di gamma della casa cinese di quest’anno, e lo si vede dalle specifiche tecniche:

  • Display: 5.7″ QHD Super AMOLED, 600 nit, 3D touch
  • Processore: Samsung Exynos 8890
  • GPU: Mali T-880 MP10
  • 4 GB di RAM
  • 64/128 GB di memoria interna UFS 2.0
  • Fotocamera posteriore da 12 megapixel con sensore Sony IMX386, f/2.0, PDAF, OIS, ring flash LED
  • Fotocamera anteriore da 5 megapixel, f/2.0
  • Connettività: dual SIM, LTE, WiFi ac, Bluetooth 4.1, USB Type-C
  • Dimensioni e peso: 155.6 x 77.3 x 7.3, 158 grammi
  • Android 6.0.1 Marshmallow con Flyme 6
  • Batteria: 3.400 mAh con mCharge

Quindi, come si può vedere, le caratteristiche sono molto simili a quelle degli ultimi Samsung, il che è un bene per Meizu, visto che sono tra i migliori terminali sul mercato. Infatti, questo Pro 6 Plus, sarà dotato anche dell’Always On Display, ma anche di una feature che su Samsung non c’è, cioè il 3D Touch, che sembra essere un po’ caduto nel dimenticatoio, ma si spera che Meizu lo implementi a dovere come fa sempre. Inoltre, almeno da quanto affermato da Meizu, sembra che l’azienda cinese e Samsung abbiano lavorato insieme per ottimizzare l’ISP che si occupa dell’elaborazione delle foto scattate da smartphone, mettendoci ben 203 giorni.

meizu-pro-6-plus-3

Il design di questo Pro 6 Plus non è poi cambiato molto, anche se sembra essersi un po’ svecchiato. Rimane il flash ad anello posteriore e la linea tipica Meizu, rimane (e per fortuna) il pulsante centrale mTouch con la nuova tecnologia Live Finger Detection, che permette di sbloccare il terminale in appena 0.15 secondi, ed ha anche la funzione di controllo del battito cardiaco.

meizu-pro-6-plus-1

Meizu ha anche posto l’attenzione sul comparto audio, integrando due chip audio HiFi dedicati, cioè l’AD45275 e l’ES9018K2, che lavorano per avere una qualità audio migliore dello smartphone. Questo nuovo device, inoltre, uscirà con la nuova versione della Flyme, cioè la Flyme 6, che porta con se ben 400 nuove funzioni.

meizu-pro-6-plus-2

In conclusione, parliamo di prezzi, che per uno smartphone così possono smuovere il mercato, e quelli di questo Pro 6 Plus lo smuoveranno di certo. Il nuovo smartphone di Meizu sarà, infatti, disponibile dal prossimo 8 dicembre nelle colorazioni Champagne Gold, Deep Space Grey e Moonlight Silver a 2999 yuan (410 euro) per la versione da 64 GB, mentre 3299 yuan (450 euro) per la versione da 128 GB.

Ovviamente si parla di disponibilità in Cina e non in Europa, comunque questo Meizu, come tutti gli ultimi telefoni cinesi, è dotato di tutte le bande LTE e quindi arriverà sicuramente anche da noi, tutto sta a capire quando. Con ogni probabilità, però, vedremo questo Meizu Pro 6 Plus nel nostro paese dai primi mesi del 2017.