Iliad ha cominciato a potenziare la sua infrastruttura di ripetitori per offrire un migliore servizio ai suoi clienti. Attraverso questi miglioramenti della rete intende ha l’obiettivo di superare l’attuale quota di mercato pari al 2% (AGCOM). E’ arrivata da poco sul nostro mercato e subito si è fatta notare per i prezzi a buon mercato e le promozioni generose ma, guardando i dati e paragonandoli con gli altri operatori italiani le prestazioni dei suoi servizi non sono ancora ottime.

Qui di seguito lasciamo i report di OpenSignal

Si vede chiaramente che la velocità registrata di Download di Iliad è solamente in penultima posizione e con un distacco molto ampio dalle compagnie Vodafone e Tim che in questo campo dominano il mercato. Anche la latenza del servizio 4g non è buona, infatti risulta la peggiore e anch’essa molto distante dalle altre compagnie telefoniche.

Potete trovare il report di OpenSignal sulla situazione Italiana qui.

Scopri la nostra recensione sull’offerta di Iliad più conveniente di sempre qui.

L’accordo con Inwit

Proprio per migliorare la sua rete di ripetitori sul suolo Italiano, Iliad ha siglato un accordo con la società Inwit (controllata da TIM) per l’utilizzo alcune suoi ripetitori. Facendo ciò andrebbe a elevare la qualità del servizio 4G per tutti gli utenti. Ciò permetterebbe, in futuro, di implementare la tecnologia 5G che nei prossimi anni promette di rivoluzionare il mondo della telefonia e della tecnologia in generale.

A rendere noto l’accordo è Il Sole 24 Ore, grazie al quale ora sappiamo che Inwit gestirà per Iliad alcune delle 11 mila torri che compongono il suo patrimonio infrastrutturale. Bisogna dire che Iliad non è la prima azienda in questo settore che chiede e sfrutta un’infrastruttura già esistente per il proprio servizio.

Iliad e la sua rete 5G

L’amministratore delegato di Iliad Italia ha chiaramente affermato che la rete 5G è ora una priorità per Iliad. L’azienda ha anche da poco specificato che ha in atto un piano di investimento per un valore di oltre 2 miliardi di Euro.

Articolo precedenteADSL: le offerte dei provider per il 2019
Prossimo articoloAmazon Echo input: Uno speaker senza speaker
Sono un appassionato di tecnologia di fin da bambino ed anche ora, dopo tutto questo tempo, tutto ciò che riguarda quell'ambiente mi entusiasma. Ora sono studente di Informatica presso l'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo".
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here